School Kids Meditating

Crescere cooperare migliorare

Un modo efficace e divertente per sviluppare autoaffermazione e un’efficiente autodifesa. Un allenamento per imparare a gestire i conflitti quotidiani e le situazioni pericolose.

 

Il focus principale è sull’attenzione verso se stessi e gli altri. Oltre agli esercizi di autodifesa viene posta particolare enfasi negli esercizi di gruppo appositamente sviluppati. Vengono percepiti come giochi non competitivi che instaurano nel giovane allievo fiducia in se stesso e un comportamento sociale. Al contempo lo sviluppo mentale e fisico viene sostenuto individualmente, poiché ogni ragazzo ha le sue caratteristiche e necessità.

 

Per noi la cosa più importante è accompagnarli in un percorso di crescita personale.

Formazione Judo bambini

età diverse, percorsi differenti

Dai 6 ai 9 anni

Le lezioni sono orientate al gioco, movimento e gare non competitive. Quasi tutto durante la lezione viene percepito come tale: fare esercizio fisico, apprendere tecniche per riconoscere e tenere lontano un pericolo. Ci sono momenti centrali della lezione in cui si approfondiscono le basi tecniche e i valori delle arti marziali. Importantissimo e imprescindibile l’insegnamento di principi come il rispetto verso se stessi e gli altri, il coraggio e il senso civico.

Dai 9 ai 12 anni

Ci si addentra nel mondo delle arti marziali, dove praticare significa impegnarsi seriamente. Le lezioni sono orientate al miglioramento delle capacità motorie, propriocettive e sociali. Non essendo uno sport da combattimento, non ci si concentra sulla competitività bensì sulla collaborazione per ottenere i massimi risultati dal proprio impegno.

kids pad.jpg

le lezioni

Le lezioni cominciano con una parte più tecnica di studio e di approfondimento dei principi e dei valori delle arti marziali.

 

I ragazzi vengono messi in costante contatto tra di loro attraverso esercizi per il controllo e lo sviluppo di stabilità, propriocezione, equilibrio, resistenza e coordinazione.

 

Questo dà la possibilità di prendere confidenza con il proprio partner e quindi, nel tempo, fiducia nei propri movimenti e in se stessi.

Si continua poi con una parte più fisica, in cui i ragazzi sperimentano il contatto anche tramite esercizi con colpitori, Sfide di gruppo e percorsi personali.

Infine ci prendiamo qualche minuto per discutere della lezione e fare meditazione.